7 curiosità sul gelato, il dolce più famoso del mondo

Il gelato è un dolce nostrano, anche se la paternità della crema più famosa del mondo è stata contesa per anni con la Francia. Le prime ricette, risalenti persino al periodo di Neanderthal, erano costituite da latte, miele e ghiaccio, allo scopo di preservarne lo stato di conservazione.

Nel IX secolo, con l’importazione della canna da zucchero in Sicilia, nell’isola venne elaborata la prima variante di gelato, sebbene fosse lontanissima dalla ricetta che oggi tutti noi conosciamo. Il dolce era già preparato nel mondo arabo e venne importato anche in Sicilia, dove veniva insaporito con delle spezie e congelato attraverso processo endotermico tramite l’aggiunta di sali.

Infatti, il termine sorbetto deriva dall’arabo Sherbet, che ha il significato di ‘dolce neve’, per via dell’abitudine da parte delle popolazioni del Nord Africa dell’epoca di mescolare succhi e miele con la neve, per permettere alla pietanza di conservarsi.

Il gelato a biscotto fu creato da un italiano residente a Parigi: era il 1803 e il cuoco Alessandro Tortoni, nel Café Napolitaine, che si dice fosse frequentato da Napoleone in persona!

In Italia ognuno di noi consuma in media 3,58 kg di gelato all’anno. Una media di tutto rispetto ma che non ha niente a che vedere con quella dei neozelandesi che, nello stesso lasso di tempo, raggiungono i 26,3 litri. Il gelato è anche uno dei dolci a domicilio più apprezzati, in testa alle classifiche di settore per tutta la stagione estiva.

Il cioccolato, con il 27% dei consensi, si aggiudica la palma di gusto preferito dagli italiani. Seguono nocciola (20%), limone (13%), fragola (12%), crema (10%), stracciatella (9%) e pistacchio (8%).

Fino a poco tempo, per le strade era piuttosto semplice imbattersi in un carretto dei gelati per la distribuzione porta a porta. Pochi sanno però che i primi distributori di gelati erano bellunesi che, a metà ‘800 erano rimasti senza lavoro a causa della crisi e decisero di esportare il gelato italiano presso le principali città europee.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *